Coronavirus Covid-19, Mediazione e Altre ADR

Cosa cambia per la mediazione durante l'emergenza coronavirus?

L'emergenza sanitaria dovuta al coronavirus Covid-19 ha imposto al Governo di adottare una serie di misure straordinarie, per contenere il rischio di contagio epidemico, elencate nel D.L. 18/2020. Le norme relative alla mediazione civile e agli altri ADR sono contenute nell'art. 83, c. 20.

Il Decreto Cura Italia prescrive che dal 09.03.2020 al 15.04.2020 sono “sospesi i termini per lo svolgimento di qualunque attività nei procedimenti di mediazione... quando i predetti procedimenti siano stati promossi entro il 9 marzo 2020 e quando costituiscono condizione di procedibilità della domanda giudiziale. Sono conseguentemente sospesi i termini di durata massima dei medesimi procedimenti”.

La sospensione dei termini contemplata dal D.L. 18/2020 riguarda “lo svolgimento di qualunque attività nei procedimenti di mediazione”, perciò investe una serie di casi:

Tutte le attività elencate qui sopra andrebbero rinviate a dopo il 15.04.2020, a meno che le parti non concordino metodi alternativi per svolgerle.

D'altro canto, il D.P.C.M. 22.03.2020 consente lo svolgimento delle “attività professionali”, purché si adottino protocolli anti-contagio, distanze di sicurezza e sanificazione dei luoghi di lavoro ai sensi del D.P.C.M. 11.03.2020 (art. 1, p. 7). Però, la possibilità che un organismo di mediazione continui a operare entra in conflitto col dovere delle parti di limitare gli spostamenti ai motivi di cui al D.P.C.M. 09.03.2020:

Ne consegue che le attività di mediazione vanno sospese.

Il Decreto Cura Italia sospende anche il termine di 3 mesi previsto dal D.Lgs. 28/2010 (art. 6): per es., una mediazione incardinata il 06.03.2020 si dovrebbe concludere entro il 06.06.2020, ma il D.L. 18/2020 “aggiunge” a quei 3 mesi anche un altro mese e un'altra settimana (il periodo dal 09.03.2020 al 15.04.2020), perciò quella mediazione si può concludere entro il 13.07.2020 (comunque, salva la possibilità di differimento tipica di ogni negoziazione).

La domanda di mediazione interrompe i termini di prescrizione e impedisce la decadenza (cfr. l'approfondimento in materia), che ricominciano a decorrere un mese e una settimana dopo la conclusione della mediazione (se conclusa entro 3 mesi dalla ricezione dell'invito) o dopo il termine “naturale” di 3 mesi, prorogato dal D.L. 18/2020.

Coronavirus e altri ADR

Sempre il Decreto Cura Italia (art. 83, c. 20) estende la sospensione dei termini, discussa qui sopra per il periodo dal 09.03.2020 al 15.04.2020, anche alla Negoziazione assistita e agli altri procedimenti di risoluzione stragiudiziale delle controversie.